SmemoWow! va a Parigi

di La Redazione

Storie di Smemo
SmemoWow! va a Parigi

Bella Parigi, bello il terzo arrondissement.

Siccome sei turista e non conosci la città, scendi alla fermata Arts et Métiers, che non è la più vicina. Però la passeggiata è piacevole: giù per Rue de Réaumur, poi Rue de Bretagne, a sinistra lungo Rue Charlot fino al numero 61. Marcovaldo è lì: c’è da bere, cibo che neanche da mamma, e buoni libri. Caffé letterario, lo chiamano: è il sogno di 4 amici, Luca, Francesco, Irene e Francesca, che amano leggere, cucinare, chiacchierare.

 

Insieme a loro da giovedì ci sarà anche la Smemo: anzi, la mostra SmemoWow, una selezione delle vignette più significative e divertenti firmate Smemo. Un modo di curiosare tra le pagine lette da più di 20 milioni di studenti dal 1979 a oggi, il ritratto di un’Italia in bilico tra parola e (di)segno, satira e sberleffo, quadretti e strisce. Quelle di Altan, Angese, Staino, Perini, Contemori, Ellekappa, Lunari, Giannelli, Giuliano, Passepartout, Piazza, Max Greggio, Elfo, Disegni…. e tanti altri quasi cento!

Poi se siete sazi di vignette, assaggiate la crostata ricotta e fichi di Francesca…