TeleDo: che cazzo guardi?

di La Redazione

Storie di Smemo
TeleDo: che cazzo guardi?

Rubrica Rubrica dedicata ai programmi televisivi a cura di Giodo

Anno: 2009-in corso
Genere: ufologia, paranormale, misticismo, misteri, pseudoscienza
Durata: 120 min
Ideatore: Claudio Cavalli
Produttore: Candido Francica, Cristina Meda, Ade Capone
Presentatore: Vari, attuali (st. 8): Daniele Bossari, Jane Alexander, Elenoire Casalegno, Clemente Russo, Marco Berry e Andrea G. Pinketts
Regia: Arcadio Cavalli
Rete: Italia 1

Alieni, fenomeni paranormali, conduttori e contest.
Mistero più che rientrare nel genere televisivo dedicato al misticismo e al paranormale, dovrebbe entrare di diritto nel genere comico.
I servizi non terrorizzano, piuttosto ti fanno chiedere:Perchè l’ho guardato?”.
I conduttori vestiti con giacche nere e cappotti misteriosi lanciano i servizi con sguardi arrapati e preoccupati, camminano lenti come se passeggiassero in cimitero a caccia di parenti dimenticati e usano le corde vocali come se parlassero agli zombie.

Poi c’è un contenst che cerca nuovi conduttori.
Dieci aspiranti conduttori di Mistero sono arrivati in finale. Per farlo hanno dovuto montare “un servizio misterioso“. Una ragazza molto convinta e poco capace ha iniziato il servizio così: “…siamo qui a Torino, nella città del gianduiotto…”.
Ci sarebbe da inventarsi subito una parodia dei personaggi e del programma, anche se a pensarci bene risulterebbe sempre più forte e comico l’originale.