The New Mutants: horror o supereroi?

di Redazione Smemoranda

Recensioni
New Mutants

Ultimo film Marvel a uscire con il marchio Fox: Disney ha comprato Fox e praticamente la sta spogliando di tutti i suoi marchi classici, tra l’altro hanno ri-brandizzato anche la storica sigletta della 20th century Fox, eliminando proprio il nome Fox. E per fortuna che hanno tenuto le trombette, che togliere anche quelle sarebbe stato davvero troppo per i cinefili.

Tutte queste questioni di business ci interessano ovviamente perché sono parte del motivo per cui The New Mutants è stato ritardato moltissimo nella sua uscita: praticamente è rimasto a prendere polvere in qualche ripostiglio per quasi due anni prima di vedere la luce, anzi il buio di una sala. Comunque il regista Josh Boone ha detto che questo rimane il suo film, che non ci sono state interferenze e che New Mutants è così come l’aveva pensato. Adesso c’è da capire se questo sia un bene o un male.

Più horror, meno superpoteri

Boone infatti è conosciuto dal pubblico per aver diretto quella straziante storia d’amore e malattia che risponde al nome di Colpa delle stelle, e quindi in pratica non c’è da stupirsi se anche in The New Mutants si avvicina più ai toni del romanzo young adult, più fantasy horror che supereroi. Più angoscia adolescenziale e problemi in famiglia che gente-con-poteri. Sarà perché in effetti i poteri di questi nuovi mutanti non sono neanche lontanamente fighi come quelli dei vecchi. Cioè, quegli altri controllano il magnetismo e alzano in cielo gli stadi, questi sono un po’ meno scenografici. Sì, la tipa diventa un lupo, ma non è la stessa cosa…

Detto ciò, bisogna sottolineare che i presupposti di The New Mutants lasciavano immaginare un film peggiore, e tutto sommato non ci dispiace che i supereroi vengano usati come scusa per poi fare film che sono di un altro genere. Però non venite a dirci che sono film di supereroi, ecco.