Tony Hawk’s Pro Skater 1+2

di Redazione Smemoranda

Recensioni
Tony Hawk’s Pro Skater 1+2

Negli anni Novanta lo skate era di moda, certo, c’erano molti ragazzi che andavano in skate, si rompevano polsi e caviglie, facevano arrabbiare i passanti, e in generale erano felici. Ma molti di più erano quelli felici di usare un surrogato digitale dello skate vero, che era semplicemente uno dei più grandi videogame dell’epoca.

Diciamola tutta, se Tony Hawk è considerato il più grande skater di tutti i tempi, non è solo perché è uno dei più bravi e più influenti. Se sia IL più bravo di tutti i tempi, si può discutere. Il punto è che Tony Hawk è quello del videogame, e il videogame è quello che ha fatto conoscere lo skate a tutti quelli che non lo conoscevano. Non c’era bisogno di essere uno skater per giocare a Tony Hawk’s Pro Skater. Tutti giochiamo ai giochi di calcio, tutti abbiamo tirato almeno una volta un calcio a un pallone vero. Invece negli anni Novanta c’erano un sacco di ragazzi che non erano mai saliti su una tavola, neanche una volta, ma che sullo schermo chiudevano trick impossibli.

Tony Hawk’s Pro Skater, molto più di un videogame

Certo, era un videogioco, Tony Hawk’s Pro Skater. Era esagerato, si potevano fare cose assolutamente contro ogni legge della fisica. Però, io non vorrei dire, ma negli ultimi anni lo skate si è evoluto tantissimo, e ci sono atleti che non sembrano tanto lontani dal sembrare un personaggio della playstation vivente. Quindi forse quel videogame è arrivato al punto di cambiare la storia dello sport che lo ha ispirato. Cosa che non si può dire quasi per nessun altro videogioco.

E Tony Hawk? Beh, di recente ha chiuso un bel 540, un giro e mezzo in aria sulla rampa, a 52 anni non è malissimo. E più o meno negli stessi giorni è arrivata la versione per console di nuova generazione del gioco che porta il suo nome. Questa volta si chiama Tony Hawk’s pro skater 1 + 2, ed è un remake dei primi, gloriosissimi giochi, che però ricostruisce quei giochi da zero. In pratica è la dimostrazione che di un videogame la cosa più importante è sempre il nocciolo, il cuore, e che se quello è valido si può costruire intorno ad esso una struttura tutta nuova, ma il divertimento non cambierà. Quindi Tony Hawk’s Pro Skater 1 + 2 è davvero un gioco del 2021, ma è divertente come quello del 1999. Nel senso di: molto.

Arriva la versione next-gen

Forse le versioni Playstation 5 e Xbox one x non sono tecnicamente così distanti da quelle per Playstation 4 e Xbox one da giustificare l’acquisto di per sé, ma questo è un discorso molto secondario. È bello vedere che anche in tempi in cui sembriamo ossessionati dalle specifiche tecniche, e stiamo lì col bilancino a misurare chi ha l’hard disk più performante, alla fine quello che conta più di ogni altra cosa è il divertimento che un gioco riesce a offrire. E proprio per questo motivo Tony Hawk’s Pro Skater 1+2 è uno dei generi di conforto più piacevoli in questo anno sciagurato.