Ultima tappa del viaggio in bici Abbiamo raggiunto le stelle!

di B.Livers

Il viaggio delle stelle
Ultima tappa del viaggio in bici – Abbiamo raggiunto le stelle!

CE L’ABBIAMO FATTA!!!

Sabato Primo Giugno – 8° tappa

Cortina d’Ampezzo – Col Gallina _17 km / 850 m dislivello
Esiste un momento preciso, nel tardo pomeriggio, in cui il colore delle montagne perde le sfumature del sole e prende le tonalità della notte più buia. Il giorno ha fatto il suo corso, lasciando elegantemente spazio ad un mondo di stelle che brillano silenziosamente all’unisono. Compaiono una alla volta, senza la pretesa di farsi notare, senza il fragore del tuono di temporale, senza la vanità dell’aurora boreale, senza il romanticismo di un tramonto sul mare.

viaggio-delle-stelle

Loro sono lì ogni sera, sempre uguali ma sempre diverse, pronte ad insegnarci l’importanza di confrontarci con l’infinito e con la maestosità del desiderio. Oggi, insieme alle stelle, si alzano silenziose anche le nostre lanterne di carta, in una scia di sogni e speranze che sanno di vita, oltre i limiti, oltre le malattie, oltre le paure.

viaggio-delle-stelle

Ci sono emozioni che non hanno nome, sguardi che non si possono descrivere, sensazioni che possono essere raccontate solo con un lungo e profondo silenzio. Noi la viviamo così, la fine della nostra esperienza, con risate sommesse, lacrime liberatorie, neve inattesa e lanterne di carta. Il pensiero viaggia rapido all’inizio dell’impresa, a Milano, in quella piazza Gae Aulenti che ci aveva dato la forza per partire davvero. Da quel momento le pedalate hanno regalato qualcosa di profondo a ciascuno di noi.

viaggio-delle-stelle

C’è chi ha perso la paura di aprirsi e di raccontare i nodi più profondi dell’animo, c’è chi ha trovato nelle stelle una minuscola ma fortissima luce in fondo al tunnel. C’è chi ha regalato e ricevuto amore incondizionato, c’è chi ha trovato la voce per urlare al mondo il suo più profondo desiderio. C’è chi si è dimenticato della fatica della malattia, pedalando fino allo stremo, sentendo il piacevole richiamo della sfida. C’è chi negli astri ha rivisto sé stesso o ha sentito gli amici più vicini. C’è chi ci ha letto un mare di energie rinnovate, per accettarsi per chi si è e non per chi si dovrebbe essere. C’è chi non si aspettava di fare così tanti chilometri in sella eppure è arrivato fino al traguardo.

viaggio-delle-stelle

C’è chi, poi, ha abbassato lo sguardo, girandosi intorno, e ha sentito di essere a casa, di essere in famiglia. O in una tribù, forse. O in una bolla senza spazio e senza tempo in cui le relazioni hanno il sapore della verità e l’imperante forza dell’affetto sincero. Ci si riconosce così, vestiti di fragili vulnerabilità, cicatrici e imperfezioni, eppure perfetti. Scalda il cuore il pensiero di tutte le persone che ci sono state vicine, che ci hanno creduto fin dall’inizio, che ci hanno supportato e sopportato, che ci hanno aiutati e accolti, ringraziati e abbracciati, che in noi hanno visto delle stelle su due ruote, che in noi hanno trovato un angolo di mondo davvero capace di desiderare un mondo migliore e di muoversi in quella direzione. Sediamo sulla terrazza del Rifugio Col Gallina di cui siamo ospiti per questa ultima notte e ci viene in mente una sola parola. Gratitudine. Per chi ci ha permesso di cavalcare e-bike di ultima generazione, chi ci ha fatto camminare in scarpe spaziali o chi ci ha permesso di indossare le stelle su felpe calde.

viaggio-delle-stelle

Ma soprattutto a tutti quelli che ci hanno messo il cuore come noi, l’affetto, il coraggio, il gesto, chi si è mosso un passo oltre il limite per rendere tutto questo possibile. A tutti voi, un immenso Grazie.

viaggio-delle-stelle