Una foto. Una storia

di Luca Maria Palladino

Storie di Smemo
Una foto. Una storia

La nota aveva assunto un suono così vero, quindi aspro; un suono così maledettamente propedeutico a qualcosa che di lì a poco sarebbe avvenuta che si sospese nell’atmosfera color grigiochiaro, come se l’atmosfera fosse divenuta una grande sala d’aspetto. Mentre la nota aspettava costumata il suo turno, la città brulicava di onde sonore: i passi dei corpi che transitano, il vociare delle corde vocali che qualcuno dimenticò di accordare, il rumore delli pneumatici che rotolano annoiati sull’asfalto, il chiasso dei gas di scarico che s’infrangono sui muri dei palazzi; il mormorio allegro delle erbette che si fanno spazio tra i mattoni; il baccano dei topi che confabulano di uscire dalle fogne, il suono orripilante che avverte dell’efferata fine di uno scarafaggio. Un silenzio struggente all’improvviso.

Foto © Francesco Acerbis
Place de l’opera.
Paris, France, 29 Octobre 2012
www.francescoacerbis.com