Terza tappa- Diario del Viaggio delle Stelle: il valore è la sfida

di B.Livers

Il viaggio delle stelle
Terza tappa- Diario del Viaggio delle Stelle: il valore è la sfida

Diario della terza tappa del Viaggio delle Stelle, la lunga pedalata dei B.Livers con le e-bike che arriverà fino a Cortina dove porteranno la bandiera del Comitato Olimpico 2026. Ogni tappa ha un valore, per la terza è La sfida.

Domenica 26 maggio – 3° tappa

Desenzano (BS) – Altavilla Vicentina (87km)
Sapevamo che sarebbe stata una tappa lunga, quella di oggi. Strade trafficate e nessun incontro previsto.
Con la stanchezza accumulata nei nostri corpi e l’adrenalina dei primi giorni che scende.
E poi, pioverà tutto il giorno. Almeno questo è quello che dicono le previsioni ed effettivamente siamo già zuppi prima di partire, nei pochi minuti necessari a prepararci.
Le bici hanno dei problemi e decidiamo di fermarci a Sirmione dal ciclista.
Lo troviamo chiuso.
Incontriamo però un gruppo di signore tedesche che stanno viaggiando per l’Europa con le e-bike. Ruota bucata per loro, le aiutiamo a ripararla e sul loro volto, la felicità.
Abbracci, allegria e foto insieme.

il-viaggio-delle-stelle-verona

Ripartiamo, la pioggia battente continua a renderci ancora più difficile il viaggio, però c’è qualche cosa oggi di diverso. Siamo noi. C’è un’energia, un legame che si è creato e che ci unisce tutti.
Si è instaurato un ascolto reciproco, dove non c’è ego o competizione. Questo permette al gruppo, in maniera del tutto invisibile, di essere sempre omogeneo, con un ritmo che sembra un respiro, una musica, un’armonia. Si rallenta, si spinge. Insieme. Si ride e si sta ciascuno nella propria solitudine. A godersi i propri pensieri, le proprie emozioni, i paesaggi, gli odori, il vento. Il senso di libertà e di partecipazione.
La nostra sfida: andare oltre le proprie paure. Anche le più intime.
Chi pensava che non ce l’avrebbe mai fatta, ormai non ci pensa più. Perché sa che può fermarsi, che può appoggiarsi. Ma nello stesso tempo, stimolato dagli altri, si lascia andare e supera poco a poco, i propri limiti.

il-viaggio-delle-stelle

Nel silenzio prezioso di alcuni momenti, ciascuno di noi si lascia andare ai pensieri. Chi ancora quasi non ci crede che dopo anni è riuscito a risalire in sella ad una bicicletta, chi pensa che una delle sfide di questo viaggio sia portare con sé tutti quei ragazzi che non possono esserci fisicamente, chi perché sta lottando contro la malattia, chi perché le stelle le ha già raggiunte e ci guida dall’alto. I nostri amici sopra le nuvole sono sempre con noi. E noi pedaliamo anche per loro.

Spinti da questa forza tutta nostra, arriviamo a Verona.
Siamo davvero fradici a questo punto, ma la bellezza di questa città ci infonde una gioia tale che non sentiamo più il freddo, come bambini scorrazziamo impazziti sospirando “ah Verona, la città dell’amore!”. Raggiungiamo l’Arena dove i nostri compagni ci aspettano e ci accolgono con grandi abbracci e sorrisoni.

il-viaggio-delle-stelle
Un pranzo veloce insieme, e le bici ripartono con una nuova formazione in sella per affrontare la seconda parte del tragitto. Qualcuno avrebbe pure continuato a pedalare, ma è naturale ormai cedere il posto a qualcun altro.
Arriviamo all’hotel, dopo 87 km. Siamo zuppi e le batterie delle nostre bici si sono spente a pochi chilometri dall’arrivo.

È stata davvero una sfida, momenti di difficoltà, tensione e stanchezza; però il fascino di questa giornata lo porteremo con noi domani, sapendo che anche gli ostacoli possono trasformarsi in opportunità.

il-viaggio-delle-stelle

IL TRACCIATO
420 km, 7 tappe, 8 giorni in sella

il-viaggio-delle-stelle

Segui tutte le tappe del Viaggio delle Stelle dei B.Livers