Widows è un film dove sono tutti cattivi, ed è meglio così

di Michele R. Serra

News - Recensioni
Widows è un film dove sono tutti cattivi, ed è meglio così

Cosa si fa quando si vince un Oscar? Di solito un regista, quando prende quel premio, dopo ha una specie di bonus per cui non ha problemi nel trovare un produttore che finanzi il film successivo. Però ha il problema di come giocarsi questo bonus, no?

Ecco, Steve McQueen (che è un regista inglese anche se si chiama come uno degli attori americani più famosi di tutti i tempi) ha deciso di sfruttare il suo bonus per divertirsi. Infatti dopo aver portato a casa l’Oscar per 12 anni schiavo, un mega dramma storico con forti temi sociali, ha deciso che il suo film successivo sarebbe stato una classica storia di malavita. E infatti Widows, così si intitola il film, se non Pulp Fiction, ha dentro almeno un po’ di fiction pulp.

Adesso che l’academy ha istituito l’Oscar per il miglior film popolare, che verrà assegnato a partire dal 2019, viene da chiedersi se Widows sia un film popolare o un film d’autore. Perché è un film che ribadisce ancora una volta quanto sia poco sensata questa divisione. Widows è un film esteticamente splendido, con un cast di alto livello e una serie di sottotesti che raccontano la cultura, la società americana, le differenze economiche e quelle razziali. Però allo stesso tempo è un thriller che serve a soddisfare lo spettatore, che va benone per attirare un passante qualsiasi che passeggia indeciso sotto i cartelloni della multisala di turno. E quindi, non sappiamo se sia alto o basso, ma importa davvero poco.

Il tema fondamentale del cinema di Steve McQueen è la sofferenza, nel senso che lui è conosciuto per essere l’uomo che mette sullo schermo personaggi che vengono degradati, che subiscono crudeltà e violenze, fisiche o psicologiche. Spesso entrambe. Anche dentro Widows questo tema non manca, ma su tutto e più di tutto regna il cinismo, e una specie di strana malinconia che sembra volerti dire: peccato che il mondo faccia così schifo. E se effettivamente Widows è un giallo femminista, perché racconta di donne che riescono ad affermare la loro potenza anche vincendo contro la violenza degli uomini, bè, non aspettatevi un racconto edificante…