Yes Man

di Michele R. Serra

Recensioni
Yes Man

Amate le commedie romantiche? Siete fan di Jim Carrey e della sua faccia di gomma? Avete visto magari il suo Bugiardo bugiardo, e vi è piaciuto? Se la vostra risposta è sì, allora sicuramente amerete Yes Man, dove l’attore americano è protagonista assoluto, cioè praticamente sempre al centro della scena dall’inizio alla fine della pellicola. Insomma, questo film ve lo godrete, ma solo se avete risposto sì alle domande di prima. Un po’ come Jim Carrey, che in questo film risponde sempre sì.

Il comico di origini canadesi veste i panni di Carl Allen, un grigio impiegato di una banca di Los Angeles che vive una vita piuttosto triste. è depresso perché sua moglie lo ha lasciato, e praticamente non fa altro che rifiutare qualsiasi contatto umano e qualsiasi opportunità che gli capiti davanti. Poi un giorno un suo vecchio amico lo convince ad andare da un guru – di quelli classici americani che ti insegnano come vivere la tua vita – e questo gli spiega che dicendo sempre sì a tutto e tutti la sua vita diventerà meravigliosa. Carl, che non ha niente da perdere, accetta. e inizia a fare di tutto, da imparare a suonare la chitarra al bungee jumping.

Lo schema di Yes Man è insomma piuttosto classico, con lo sfigato di turno che diventa figo e trova l’amore. Davvero notevole il cast: Jim Carrey si conferma un vero spettacolo vivente,ma funzionano molto bene anche la sua spalla romantica Zooey Deschanel e il comico neozelandese Rhys Darby che interpreta il capoufficio. Poi, i fan degli Eels saranno contenti perché nella colonna sonora ci sono un bel po’ di canzoni del loro gruppo preferito. Il resto non è un granché, a causa soprattutto della scarsità di idee nuove messe in campo dal regista Peyton Reed – e anche del fatto che il film è davvero molto simile a Bugiardo Bugiardo – ma nel complesso Yes man si lascia guardare, e strappa qualche sorriso. Niente di meno, niente di più.

Giudizio finale: un film che avrebbe potuto essere mediocre viene salvato dalla prova degli attori e risulta a tratti anche divertente. Però rimane consigliato solo ai fan di Jim Carrey.