Antonino Cannavacciuolo, il drammatico racconto del suo passato: costretto a subire atti di grave violenza

Antonino Canavacciuolo ha parlato del suo drammatico passato, ecco cosa è stato costretto a subire e cosa è emerso.

Il suo racconto drammatico fa emergere un passato in cui tutto avveniva in modo diverso e che, visto con gli occhi di oggi, fa emergere una tremenda realtà: ecco cosa ha rivelato.

antonino canavacciuolo drammatico racconto
Antonino Cannavacciuolo, il drammatico racconto del suo passato- (Foto Web 365 srl)-Smemoranda.it

Volto di Cucine da incubo e Masterchef Italia, Antonino Canavacciuolo è uno degli chef più noti in Italia. Personaggio di Sky, si è raccontato in una lunga intervista al Messaggero in cui ha svelato un retroscena drammatico del suo passato. Lo chef tre stelle Michelin ha svelato alcuni dettagli sugli inizi che hanno fatto commuovere tutti: ecco cosa ha detto.

Antonino Canavacciuolo e il racconto drammatico del passato: ecco cosa è accaduto allo chef

Il racconto della sua vita attuale e del suo successo parte da lontano, da quando muoveva i primi passi nel mondo della cucina. Antonino, come molti nel suo mestiere, ha iniziato fin da piccolo, da quando aveva appena 14 anni. Ha svelato che proprio in quegli anni accadeva qualcosa che ad oggi non sarebbe mai ammesso. Finivo la notte gonfio di mazzate, ma io ho sempre voluto fare questo mestiere. Mia mamma voleva protestare. Mio padre, invece, rispondeva così: ‘Se gliele ha date, significa che se le meritava’. Adesso quello chef lo arresterebbero per maltrattamenti. A me alla fine è servito. Sono state formative, quelle botte”. Sicuramente un argomento molto delicato da affrontare che ha segnato la vita del giovane chef.

antonino canavacciuolo racconto passato
Antonino Canavacciuolo costretto in passato a subire atti di grave violenza – (Foto IG@antoninochef) – Smemoranda.it

Oggi Antonino Canavacciuolo è uno degli chef più famosi e anche noto volto di Sky e sicuramente tratta con estrema cura argomenti del genere. “A 23 anni, accettare di fare il capo cuoco a Villa Crespi. Due matti, io e mia moglie. Cinzia aveva la mia età ed è con lei che ho fatto tutto”. Insomma una vita segnata dal lavoro, dall’amore e dalla collaborazione con la moglie. Poi è arrivata la televisione che ha permesso allo chef di poter fare gli investimenti giusti per poter crescere.

E il tempo libero? Che non è sicuramente tantissimo? Ecco cosa ha dichiarato di amare fare quando non lavora. “Vado a pescare…. E un poco di sesso, quello mi piace assai“. Un passato degno di nota che gli ha consentito di trovare la giusta determinazione per formarsi al meglio e diventare quello che è oggi. Chi sa però cosa sarebbe accaduto se le cose fossero state diverse!

Impostazioni privacy