Non si può punire l’occupazione abusiva di una casa se si hanno figli minori: la Cassazione stravolge tutto

L’occupazione abusiva di una casa se si hanno figli minori non è punibile. Ecco la sentenza storica della Cassazione.

Ci sono diverse normative e novità a livello di Legge che vanno sempre tenute in considerazione. Soprattutto per via delle sentenze della corte di Cassazione, che possono portare ad importanti stravolgimenti di fronte a cui forse ancora non avevate pensato ma che potrebbero giocare un ruolo decisivo.

Ci sono alcuni casi in cui l'occupazione abusiva di una casa non è punibile
Occupazione abusiva di una casa, in questo caso non è punibile – Smemoranda.it

Oggi parliamo di un tema che ha sempre fatto discutere negli anni scorsi e che ora potrebbe cambiare per sempre. Almeno stando a quello che è stato detto e deciso dall’ultima sentenza della Corte di Cassazione penale. Pare che l’occupazione abusiva di una casa non potrà venire punita se si hanno figli minori a carico. Ecco tutto i dettagli a tal proposito e cosa è stato dichiarato.

Occupazione abusiva con figli a carico: cosa dice la Legge

A decidere il tutto ci ha pensato la Corte d’appello di Messina, che ha dovuto affrontare il caso di occupazione abusiva di un alloggio popolare da parte di due famiglie con figli minori a carico. La decisione storica dei giudici della Suprema Corte potrebbe cambiare per sempre le carte in tavola, ma non mancano le critiche già emerse.

Occupazione non punibile in caso di figli minori a carico, ecco cosa è stato deciso
Ecco che cosa ha deciso la Corte di Cassazione sul tema – Smemoranda.it

Per il reato di occupazione abusiva d’immobile, va infatti riconosciuta la scriminante della particolarità tenuità del fatto nel caso ricorra lo stato di necessità, per dare una casa e un tetto ai figli minori. Motivo che la Corte di Cassazione ha pronunciato, andando a censurare la decisione di merito della Corte d’Appello.

Questo per via del mancato riconoscimento della causa di non punibilità prevista dall’art. 131 bis cod. pen. e del vizio di mancanza di motivazione del codice procedurale penale. Qui si dice che l’abusiva occupazione di un bene immobile è scriminata dallo stato di necessità conseguente al pericolo di danno grave alla persona.

Ecco quindi che se la Corte di Cassazione penale sancisce la non sanzionabilità dell’occupazione per necessità, bisogna applicare gli stessi principi anche nell’applicazione in ambito civilistico. Ci si sta chiedendo se questi principi debbano o meno riguardare gli alloggi privati in locazione e non solo quelli del patrimonio pubblico. E se lo stato di necessità sia circoscritto alle sole famiglie con figli minori a carico e non anche per altri casi, come in seguito alla perdita di lavoro. Se ne riparlerà in futuro, quando la Corte si pronuncerà nuovamente.

Impostazioni privacy