Sai ogni quanto andrebbe cambiato lo spazzolino? Sbagliano proprio tutti e fanno un danno

Lo spazzolino va cambiato con cadenza regolare per evitare la diffusione di germi e batteri al cavo orale e di invalidare tutto il lavoro.

Le setole dello spazzolino, che si tratti di quello standard o di quello elettrico, progressivamente tendono a perdere consistenza e colore e quindi non riescono più ad essere utili al loro lavoro andando a rimuovere la placca e i residui alimentari che si generano tra i denti.

ogni quanto andrebbe cambiato lo spazzolino
Spazzolino, ogni quanto va cambiato (smemoranda.it)

Non basta lavare i denti dopo ogni pasto se si fa in modo frettoloso o con un prodotto inadeguato, è come non lavarli quindi non ha molto senso. Per prendersi realmente cura della salute della propria bocca è indispensabile procedere in questo modo, facendo attenzione all’usura dello stesso.

Spazzolino, ogni quanto andrebbe cambiato veramente

Scegliere lo strumento giusto è importante, perché non tutte le dentature sono uguali e quindi non hanno bisogno delle stesse cose. È essenziale prendersi cura della propria salute anche indirettamente quindi scegliendo un prodotto che sia idoneo allo scopo ma anche tenerlo pulito nel tempo.

Per prima cosa dopo l’uso lo spazzolino va lavato correttamente, quindi sciacquato con abbondante acqua, non devono esserci residui. Successivamente lasciarlo asciugare e poi riporlo, una volta secco, in un luogo asciutto senza lasciarlo sul lavabo. Questo è un errore comune perché diventa raccolta di germi e batteri che si diffondono ovunque.

spazzolino cambiato Sbagliano proprio tutti
Spazzolino, tutti sbagliano tempi d’uso (smemoranda.it)

Non va mai utilizzato il tappo di plastica per coprire la superficie, questo è essenziale in viaggio o per portare lo spazzolino in palestra o in ufficio, a casa deve essere privo di coperchio che fa ristagnare solo l’umidità. Attenzione a non far toccare mai gli spazzolini tra loro quindi se ci sono altri componenti in casa ognuno deve avere il suo e devono essere ben divisi. Questo passaggio è fondamentale per la salute.

La tempistica corretta per cambiare uno spazzolino o la testina di quello elettrico è, secondo gli specialisti, di 3 o 4 mesi. Tuttavia bisogna anche specificare che questo ha una soggettività da cui non si può prescindere, per questo motivo l’unico modo certo è quello di vedere le setole e la loro qualità. Quando tendono ad aprirsi o scolorirsi lo spazzolino va cambiato.

Se però questo avviene prima dei tre mesi, senza che ve ne sia effettivamente motivo, è solo uno spreco quindi è essenziale fare attenzione e non sostituirlo a prescindere. Se invece lo spazzolino oggettivamente si consuma prima dei tre mesi allora vuol dire che o la qualità dei materiali non è adeguata oppure che questo viene utilizzato impropriamente con troppa forza. Una nota importante che i dentisti specificano su quando sostituire lo spazzolino è anche dopo una malattia, anche una semplice influenza, pena rischiare di contrarla di nuovo.

Impostazioni privacy