I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Cookie Policy.

Accetto

oggi voglio

login

Paolo Borsellino - L'agenda rossa

di L'Alligatore
| Show | Libri e Fumetti | Da leggere | 0 commenti

57 giorni della vita di un uomo consapevole della sua prossima morte

Giacomo Bendotti

Paolo Borsellino – L’agenda rossa

BeccoGiallo

È una storia italiana, quella narrata in questo ennesimo bello e meritorio libro a fumetti dell’editrice padovana. Una storia italiana, a molti conosciuta, quella dell’assassinio di un giudice, Paolo Borsellino, a distanza di poco tempo dall’assassinio del collega ed amico Giovanni Falcone. Ed è questo periodo che il libro racconta, 57 giorni della vita di un uomo consapevole della sua prossima morte, come un personaggio di un romanzo.


In realtà Borsellino è un uomo in carne ed ossa, con la sua vita, le sue passioni, l’impegno, il lavoro, la famiglia, il mare, la sigaretta perennemente in bocca. Paradossalmente è un libro sulla vita, quasi un inno alla vita, attraverso ricordi, pensieri, scritti. In particolare la famosa agenda rossa, agenda sulla quale Borsellino, dopo la morte di Falcone, annotava tutto. Lo faceva perché non si fidava del suo superiore al tribunale di Palermo, dove lavorava tra mille difficoltà.


L’agenda rossa era quindi importante per lui e per la lotta alla mafia, che conduceva in prima persona con alcuni coraggiosi colleghi a partire dallo stretto collaboratore giudice Ingoia, con lui prima a Marsala. L’agenda rossa diventa una cosa mitica e leggendaria, perché poco dopo che la bomba carica di tritolo uccide l’uomo sotto la casa della madre con la sua scorta, l’agenda viene fatta sparire. Le indagini sulle trattative Stato-Mafia al centro della scomparsa? Può darsi.


Il giovane Giacomo Bendotti, già autore per lo stesso editore di un libro dedicato a Giovanni Falcone, racconta Paolo Borsellino senza enfasi, senza essere invasivo tipo un film, o una fiction (come nota nell’intro la sorella Rita Borsellino). Uno splendido bianco e nero (a parte l’agenda rossa, come quel vestitino di una giovane ebrea in fuga nel film di Spielberg “Schindler's List”), per un centinaio di pagine dove trovano posto un sacco di cose. Cose da sapere.  Molto curate le essenziali note in coda. 

Per saperne di più

beccogiallo.net

fumetti
mafia
storia

0 Commenti

Scrivi un commento

Devi essere registrato per potere scrivere un commento.

Hai già un account Smemoranda?

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati
Advertisement